Trieste: 5 simboli della città da non perdere

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Trieste
Foto: pixabay.com

Pensa ad una città che sia in grado di offrire montagna, mare, storia, cultura e che in pochi minuti di macchina ti permetta di arrivare in un altro Paese. Ebbene si, nella città di Trieste troverai tutto questo e molto altro ancora!

Trieste, capoluogo del Friuli Venezia Giulia, è una città situata nel nord-est d’Italia ed è al confine con la Slovenia, rappresentando un ponte verso l’Europa. Grazie alla sua posizione geografica, la città di Trieste ha risentito delle influenze di vari popoli: italiano, austriaco, sloveno.

La città, conosciuta da pochi e sottovalutata da molti, è in grado di sorprendere ogni suo visitatore; che ti piaccia il mare o che tu sia un appassionato di montagna o di arte, Trieste sarà in grado di soddisfare ogni tuo desiderio. Di seguito, ho stilato una breve lista con le attrazioni più importanti della città che ti consiglio di tenere a mente quando andrai in vacanza:

1. Il Colle di San Giusto

Definito cuore di Trieste, rappresenta il luogo di nascita della città fin dalla preistoria. Qui infatti si insediò il primo nucleo abitato che crebbe di importanza e dimensioni durante l’epoca romana. Sul colle vennero costruiti il Castello, all’interno del quale c’è un museo che custodisce armi medievali, e la Cattedrale, la chiesa più importante della città.

Ai piedi del Colle di San Giusto c’è il Teatro Romano, risalente al I-II secolo d.C. e scoperto solo nel 1938 in seguito a lavori di riqualificazione urbana. Durante gli scavi furono rinvenute diverse statue ornamentali e lapidi che oggi vengono custodite nel Museo Civico di storia e arte.

2. Piazza Unità

Punto focale della città, piazza Unità si apre sul golfo. Gli edifici sono caratterizzati dall’intreccio dello stile neoclassico e viennese. Qui troviamo Palazzo della Luogotenenza austriaca, Palazzo Stratti, con lo storico e noto Caffè degli SpecchiPalazzo Modello, Palazzo Pitteri, Palazzo Vanoli e Palazzo della Regione. Inoltre, in piazza c’è la Fontana dei Continenti, che nel 1938 venne temporaneamente rimossa per la visita di Mussolini.

Piazza Unità è una delle piazze più grandi in Europa con affaccio sul mare e ciò è, giustamente, motivo di vanto dei triestini. Davanti alla piazza troverete Molo Audace, così chiamato in ricordo della prima nave che entrò nel porto dopo la fine della Grande Guerra, dove potrete ammirare una rosa dei venti in bronzo.

 

3. Il Castello di Miramare

Affacciato sul mare, il Castello fiabesco di Miramare fu costruito su richiesta dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo come nido d’amore per lui e l’amata Carlotta. Sfortunatamente, i due non vissero insieme al Castello perché Massimiliano morì fucilato in Messico. Il Castello, visitabile, accoglie anche un grande parco in cui è possibile svolgere diverse attività come passeggiate, corse, ecc.

Il Castello è facilmente raggiungibile dal centro città attraverso il lungomare di Barcola, passeggiata che apprezzerete pienamente in una bella giornata di sole e che vi permetterà di godere della vista sul golfo.

Orari di apertura del Castello e biglietti: il Castello è aperto dalle 9:00 alle 19:00; il prezzo intero del biglietto è di 10 euro, il ridotto costa 2 euro, mentre l’ingresso è gratuito per i minori di 18 anni, i disabili, gruppi di studenti, guide turistiche, ecc. Per maggiori informazioni e per aggiornamenti, consiglio di visitare il sito www.miramare.beniculturali.it/biglietti.

L’ingresso al parco è libero durante tutto l’anno, tranne il 25/12 e 1/1.

 

4. Il Faro della Vittoria

Costruito nel 1923, fu inaugurato nel 1927. E’ un monumento simbolo di Trieste ed è dedicato ai caduti della Prima guerra mondiale. Il Faro offre una vista panoramica della città.

Sopra il Faro potrete ammirare la Vittoria Alata, una statua alta 7,20 m, che regge una fiaccola nella mano sinistra e una corona d’alloro nella destra. Ci sono poi altri elementi importanti come la statua del Marinaio Ignoto, l’Ancora della nave Audace, l’Epigrafe che ricorda i caduti in mare e infine la catena e due proiettili appartenuti alla corazzata austroungarica Viribus Unitis.

L’apertura del Faro è così organizzata:
  • aprile, maggio, giugno e settembre: venerdì (15:00-19:00), sabato e domenica (10:00-13:00 ; 15:00-19:00).
  • luglio e agosto: da mercoledì a domenica (10:00-13:00 ; 16:00-19:00);
  • ottobre: venerdì (15:00-18:00), sabato e domenica (10:00-13:00 ; 15:00-18:00);
  • novembre: dal 1 al 4 con orario continuato dalle 9:30 alle 16:30.

L’ingresso al faro è gratuito e non si possono effettuare visite guidate.

 

5. La Grotta Gigante

La grotta carsica, inserita nel 1995 nel Guinness dei Primati per la sala naturale più grande al mondo, è uno dei luoghi più visitati e apprezzati del Friuli Venezia Giulia. La grotta è alta 98,5 m, lunga 167,7 m e larga 76,3 m. Durante la visita nella grotta potrete ammirare colonne, stalattiti e stalagmiti e arrivare nel punto più profondo della grotta che si trova a 101,10 m. Qui, è possibile visitare anche il Museo Scientifico Speleologico della Grotta Gigante, inaugurato nel 1963, che ospita un’esposizione di reperti archeologici, geologici e paleontologici delle grotte del territorio.

L’apertura della grotta durante l’anno è così organizzata:
  • da aprile a settembre: dalle 9:00 alle 17:00;
  • ottobre: dalle 10:00 alle 16:00;
  • novembre: giovedì e venerdì (10:00 – 15:30), sabato e domenica (10:00 – 16:00).

Il prezzo del biglietto varia da 5 a 13 euro. E’ inoltre possibile prenotare visite speleologiche guidate di gruppo e visite con assaggio di vini del territorio. Per maggiori informazioni e aggiornamenti riguardo orari e prezzi, consiglio di consultare il sito www.grottagigante.it.

Oltre a questi obiettivi turistici che vi esorto a visitare, ci sono numerosi eventi, mostre, concerti ed iniziative culturali che si svolgono in città; per essere sempre informati visitate il sito www.discover-trieste.it. Trieste, come dicevo, è una città che si affaccia sul mare ed offre quindi tante spiagge e stabilimenti lungo tutta la costa. Inoltre, qui si tiene la Barcolana, la regata più grande del mondo e certificata come tale dal Guinness World Record.

 

Cosa mangiare a  Trieste?

La cucina triestina risente delle contaminazioni e fusioni di varie culture. Perciò, troverete sapori friulani, sloveni e austriaci fusi ai sapori tipicamente mediterranei. Tra i piatti tipici va ricordata la jota (nato come piatto di recupero, a base di fagioli, patate, cavolo e avanzi di maiale), il risi e bisi (intuibile dal nome, è un piatto a base di riso, piselli e prosciutto cotto), il capuzi garbi (contorno tipico triestino, a base di cavolo cappuccio fermentato condito con sale e alloro).

Un pranzo o una cena non possono di certo finire senza dolce, perciò ecco qui alcuni dei dolci triestini che vi incoraggio a provare: il presnitz (dolce tipico natalizio a base di pasta sfoglia, frutta secca e cioccolato), le fave (dolcetti di pasta di mandorle preparati per le feste dei morti), lo struccolo de pomi (simile allo strudel, è un dolce a base di mele, cannella, pinoli, noci e uvetta), la torta rigo jancsi (una torta mousse a base di cioccolato), la pinza e titole (dolce tipico pasquale, è una pasta lievitata aromatizzata al rum).

 

Trieste è anche la città del caffè e dei caffè letterari, locali storici dove un tempo si riunivano letterati di grande fama come James Joyce, Italo Svevo, Umberto Saba. Alcuni caffè che consiglio di provare sono il Caffè Tommaseo (il più antico di Trieste), il Caffè San Marco oppure il Caffè Pirona dove potrete fare scorta anche dei dolci tipici di Trieste.

 

Il trasporto in città e come arrivarci

Il trasporto pubblico è ben organizzato; molti sono gli autobus che percorrono Trieste in lungo e in largo. Potrete visitare la città anche in bicicletta perché ci sono numerose piste ciclabili. Attrattiva interessante, e sicuramente da provare, è il tram di Opicina, uno dei simboli di Trieste. In funzione dal 1902, collega Trieste ad Opicina; un percorso di 5 km che offre una vista panoramica suggestiva.

Trieste è facilmente raggiungibile anche in auto, treno, via mare o con l’aereo. La città infatti è collegata sia con città italiane come Treviso, Venezia, Gorizia, ma anche con la Slovenia (l’Aeroporto di Lubiana dista 114 km da Trieste) e il resto dell’Europa (ci sono corse giornaliere da/per Monaco, Francoforte, Vienna, ecc.). Non avrete più scuse per rimandare una vacanza in questa splendida città!

Dove dormire?

Per avere una vacanza completa e ben organizzata, raccomando sempre di prenotare in anticipo l’hotel.  A tal proposito, Trieste offre diverse soluzioni in grado di soddisfare i capricci di chiunque: potrete scegliere tra b&b, hotel a 3 o 4 stelle, situati nell’entroterra o affacciati sul mare, hotel di lusso o residence. Utilizzando i motori di ricerca trivago.it, booking.it oppure il sito www.turismofvg.it, troverete sicuramente la soluzione che farà al caso vostro.

  • Orientativamente, il prezzo per una matrimoniale per due persone, a notte, va da 55 a 200 euro.
  • Ora che avete tutte le informazioni per raggiungere e visitare Trieste, non vi resta che prenotare!
  • E se avete qualche giorno in più, fate un salto anche a Venezia. Scoprite qui perché è la città dell’amore.

Fonti:

 634 total views,  3 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *