La metropolitana di Bucarest è stata inaugurata il 16 novembre 1979. Ecco 5 cose che probabilmente non sapevi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
metro de Bucarest , metrou, métro, metropolitana di Bucarest
Pixabay.com

Traduzione: Isabela-Alexandra Bogdan

La metropolitana di Bucarest è stata inaugurata il 16 novembre 1979 ed è interamente proprietà dello Stato rumeno attraverso il Ministero dei Trasporti. Alla fine del 2020 la rete dei trasporti sotterranei copriva un’area di 76,12 km a doppio binario, con 5 linee e 62 stazioni. La distanza media tra due stazioni è di 1,5 km.

 

1. I primi progetti della metropolitana di Bucarest

Nel 1908, Dimitrie Leonida, allora studente, scelse il progetto di costruire una metropolitana a Bucarest come oggetto della sua tesi di laurea. Questa proposta fu ripresa nel 1929-1930, ma nulla si concretizzò, dato che il trasporto pubblico di superficie poteva ancora coprire “al limite” le esigenze dei passeggeri.

L’anno 1940 rappresenta un momento di modernizzazione della capitale rumena. Pertanto, la costruzione della metropolitana di Bucarest è di nuovo in discussione. Era prevista la costruzione di 3 linee, ma lo scoppio della seconda guerra mondiale ha comportato l’impossibilità di mettere in pratica la teoria.

A seguito di una decisione del Consiglio dei ministri, nel 1952 vengono istituiti l’Istituto di Design e la Direzione Generale della Metropolitana di Bucarest. Gli studi sono condotti sotto l’influenza della scuola sovietica e si raccomanda che la metropolitana includa anche una funzione di difesa come rifugio in caso di bombardamenti. Pertanto, si ritiene che la metropolitana debba essere situata a una profondità compresa tra 20 e 40 m, ma ciò comporterebbe costi troppo elevati per un’economia traballante. Pertanto, la metropolitana di Bucarest rimane un semplice sogno, fino al 1970.

Nel 1970 si sente il bisogno di nuove aree della città, poiché il sistema di trasporto non poteva più farcela. L’unico modo per risolvere questo problema era costruire una rete di trasporto sotterranea.

 

Vezi această postare pe Instagram

 

O postare distribuită de ZSyBeR_mOOn (@zsyber_moon)

2. Gli inizi della costruzione della metropolitana di Bucarest

Dopo decenni di progetti irrealizzati, il 1975 è il momento dell’inizio effettivo dei lavori. All’inizio, il progetto prevedeva la realizzazione di 3 linee della metropolitana, diverse da quelle che conosciamo oggi.

Sorin Calinescu, capo del dipartimento di consulenza di Metro SA, afferma che la metropolitana di Vienna avrebbe impressionato Nicolae Ceausescu tanto da determinarlo a volere una rete di trasporti simile nella capitale rumena.

Sembra che un altro desiderio del politico relativo alla realizzazione della metropolitana sia stato l’utilizzo di materiali esclusivamente di provenienza locale. Tutti i treni sono stati costruiti in Romania, diversi da quelli utilizzati negli altri stati del blocco orientale. La prima linea è stata messa in servizio il 16 novembre 1979 e l’inaugurazione ufficiale ha avuto luogo il 19 dicembre dello stesso anno. La linea comprendeva 6 stazioni e aveva 8,63 km.

Seguì l’apertura dei segmenti della metropolitana di Bucarest:
  • 28 dicembre 1981: M1 Timpuri Noi – Republica; 10,1 km, 6 fermate
  • 19 agosto 1983: M1 (Oggi M3) la Linia Eroilor – Industriilor; 8,63 km, 4 fermate (Gorj è stata aggiunto in seguito)
  • 22 dicembre 1984: M1 Semanatarea – Crangasi; 0,97 km, 1 fermata
  • 24 gennaio 1986: M2 Piata Unirii 2 – I.M.G.B. Depoul; 9,96 km, 6 fermate (Tineretului e Constantin Brancoveanu aggiunte in seguito)
  • 6 aprile 1986: M2 Tineretului; 0,0 km, 1 fermata
  • 24 ottobre 1987: M2 Piata Unirii 2 – Pipera; 8,72 km, 5 fermate (mercato rumeno aggiunto in seguito)
  • 24 dicembre 1987: M1 Crangasi – Gara de Nord 1; 2,83 km, 1 fermata (Basarab aggiunta in seguito)
  • 28 novembre 1988: M2 Piata Romana; 0,0 km, 1 fermata
  • 5 dicembre 1988: M2 Constantin Brancoveanu; 0,0 km, 1 fermata
  • 7 agosto 1989: M3 (attualmente M1) Gara de Nord 1 – Dristor 2; 7,8 miglia, 6 fermate

3. Perché la metropolitana di Bucarest è poco profonda rispetto ad altre reti europee?

Situata su una falda acquifera, nella costruzione delle stazioni è stato largamente utilizzato il metodo “scavo e copertura”. Un altro metodo utilizzato è stata la perforazione meccanica del terreno, la cui profondità media è di 15 m.

 

4. Cosa significa il nome delle stazioni della metropolitana di Bucarest?

Sono sicuro che ti sei chiesto almeno una volta durante i tuoi spostamenti quotidiani: “Perché questa stazione si chiama così?” Le stazioni ai capolinea prendono il nome dalle fabbriche della zona, mentre il resto delle stazioni prende il nome dai quartieri e dai mercati della zona.

A grandi linee, i nomi delle stazioni sono rimasti gli stessi dall’inaugurazione, con poche eccezioni, in quanto le stazioni della metropolitana di Bucarest devono essere uno specchio della realtà attuale della città. Oggi la stazione di Semănătoarea si chiama Petrache Poenaru, dall’inventore del pennino con serbatoio, la nota penna stilografica, perché nella zona c’è un importante campus universitario – il complesso Regie.

La stazione di Pieptanari è chiamata gli Eroi della Rivoluzione dopo la Rivoluzione del 1989.

Nel 2009 la stazione Armata Poporului diventa Lujerului, dalla strada e il passaggio della zona, mentre Industriilor diventa Preciziei, dall’omonimo viale. La stazione Policolor diventa Nicolae Teclu, dall’inventore della lampadina Teclu, mentre Linia de Centura diventa Anghel Saligny, l’ingegnere che progettò il ponte ferroviario di Cernavoda.

IMGB è diventata Dimitrie Leonida dal nome dell’ingegnere rumeno che ebbe l’idea della metropolitana nella capitale all’inizio del primo decennio del 1900. L’I.M.G.B. è diventata Berceni per la località omonima nelle vicinanze. Se non siete stati in questa parte della capitale, probabilmente non eravate a conoscenza che questa è l’unica stazione della metropolitana in superficie.

5. Piața Romană – la stazione della metropolitana di Bucarest costruita in segreto

Se sei arrivato alla stazione della metropolitana Piața Romană, devi esserti chiesto perché la banchina è pericolosamente stretta. Perché è così diversa dal resto delle stazioni della metropolitana?

Sembra che Elena Ceauescu abbia ritenuto assolutamente necessario ridurre le stazioni della metropolitana, troppo frequenti secondo la sua concezione, perché sia i giovani che la classe operaia “hanno iniziato a ingrassare”. A suo avviso, il ruolo della metropolitana era quello di garantire il trasporto della classe operaia tra le fabbriche e le abitazioni. Quindi, la stazione della metropolitana di Piața Romană sarebbe stata un semplice lusso della vita urbana (per la sua posizione in centro).

Abbiamo ricevuto dal partito l’ordine di escludere almeno una stazione dal programma, cosa per noi quasi impossibile perché erano già poche e hanno stravolto i nostri piani, tecnicamente parlando. Abbiamo deciso di eliminare, solo sulla carta, la stazione più importante, così che in seguito saremmo stati “costretti” a rimetterla. Si tratta di Piața Romană, dice Sorin Călinescu.

Dietro le spesse mura furono costruite delle gallerie, con l’obiettivo di trasformarle in banchine. Questo spiega gli archi che vediamo oggi. Per un anno la metropolitana ha funzionato ininterrottamente tra Universitate e Piata Victoriei.

I cittadini di Bucarest hanno sentito il bisogno di una stazione della metropolitana in zona e così, su pressione da parte loro, i Ceausescu hanno capito l’importanza della stazione. Le mura vengono demolite con il martello pneumatico, ma lo spazio resta angusto per il pericolo che avrebbe rappresentato una massiccia demolizione, in quanto la zona fu gravemente colpita dal terremoto del marzo 1977. Perciò, quando utilizzerai la metropolitana nella frenesia della quotidianità, capirai perché è stata così costruita e cosa significa il nome delle stazioni.

Se ti è piaciuto questo articolo sulla Metropolitana di Bucarest e la capitale della Romania è un argomento su cui vuoi leggere più cose interessanti, ti invitiamo a scoprire i 4 parchi a Bucarest che ti fanno dimenticare dove sei.

  • Puoi leggere l’articolo sulla metropolitana di Bucarest anche in rumeno!

Fonti:

 176 total views,  1 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *