Antonio Gramsci, la vita del fondatore e leader del Partito Comunista Italiano (22 gennaio 1891 – 27 aprile 1937)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Antonio Gramsci
Foto: maxpixel.net

Antonio Gramsci è nato il 22 gennaio 1891 ed è morto il 27 aprile 1937. Fondatore e leader del Partito Comunista Italiano. Gramsci è stato una personalità brillante, profonda e distinta, che ha lottato contro il fascismo.  Non è una coincidenza che il suo nome si ritrovi  tra i più grandi pensatori politici di diversi tempi.

La storia di Antonio Gramsci

Le idee di Antonio Gramsci hanno influenzato varie aree della vita spirituale dell’Italia moderna, dalla letteratura al cinema.  Nel 1913 si impegna nel movimento socialista e nel 1917 diventa leader della sezione socialista di Torino.  Dal 1922 al 1923 ha vissuto nell’ URSS. Negli anni 1923-1924 fu capo del partito comunista. Nel 1926, Gramsci fu arrestato dalle autorità italiane per le sue attività rivoluzionarie ed esiliato sull’isola di Ustica e nel 1928 fu condannato a 20 anni di prigione da un tribunale fascista.

Ha scritto numerose opere di storia, filosofia e cultura. Gramsci trascorse la maggior parte della sua prigionia nel carcere di Turi (vicino a Bari), dove scrisse i suoi famosi “Quaderni del carcere”, quasi tremila pagine, che costituiscono il nucleo della sua eredità creativa. Le dure condizioni di prigionia minarono la sua salute, Gramsci morì pochi giorni dopo il suo rilascio ufficiale. La bibliografia delle opere di Antonio Gramsci comprende migliaia di pubblicazioni di vario tipo. Era un marxista e teorico sociale italiano, rappresentante del neomarxismo. Ha sviluppato una serie di concetti: la teoria dell’egemonia, la specificità dello stato e della società civile, la strategia dell’azione rivoluzionaria nelle condizioni contemporanee.

Ha sviluppato il concetto originale del marxismo e ha anche avanzato l’idea che la storia non è uno sviluppo di forze produttive, ma una competizione di egemonie o modelli culturali antagonisti, che non sono necessariamente legati all’economia. Secondo lui, il marxismo è una pratica, ma non una dottrina statica, perché la realtà confuta costantemente molte delle proposizioni di Marx. Il marxismo sovietico aveva bisogno di nuove idee – non idee qualsiasi, ma idee che non contraddicessero palesemente il linguaggio ufficiale e non sfidassero direttamente la tesi che il sistema socialista dell’ Unione Sovietica fosse un sistema socialista.

Il 28 maggio 2019, una mostra dedicata ad Antonio Gramsci e ai suoi famosi “Quaderni dal carcere” è stata inaugurata nel nuovo edificio del Museo Statale della Storia della Letteratura Russa. Si tratta di un progetto congiunto russo-italiano dell’Istituto Gramsci di Roma, dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca, dell’Archivio di Stato Russo di Storia Sociale e Politica e del Museo di Stato della Letteratura Russa.

I “Quaderni dal carcere” furono trascritti, la prima trascrizione fu quella di Felice Plato, in sei volumi, in cui gli appunti di Gramsci furono organizzati in temi omogenei:

  • Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce (1948);
  • Gli intellettuali e l’organizzazione della cultura (1949);
  • Risorgimento (1949);
  • Note di Machiavelli sulla politica e lo stato moderno (1949);
  • Letteratura e vita nazionale (1950);
  • Passato e presente (1951).


Nel 1975, i
Quaderni sono stati pubblicati nell’ordine cronologico della loro pubblicazione

Antonio Gramsci è tra i pensatori del XX secolo che hanno dato un contributo significativo allo sviluppo della teoria sociale neomarxista occidentale. Il contributo di Gramsci fu il concetto storico-sociale degli intellettuali, il loro posto e ruolo nelle società tradizionali e moderne e le funzioni che svolgono nel garantire l’egemonia culturale e ideologica dei gruppi sociali dominanti nella società.

Secondo Gramsci, gli intellettuali giocano un ruolo centrale nella creazione e nella propagazione dei sistemi di credenze ideologiche, così come nel raggiungimento dell’accordo tra i diversi gruppi sociali e gli stati, specialmente quelli più influenti. Come uno dei fondatori e leader del movimento comunista in Italia negli anni ’20, Gramsci cercò di mettere in relazione i suoi costrutti teorici con gli specifici sviluppi sociali e politici dell’Occidente del suo tempo e di collegarli alla strategia e alla tattica del movimento comunista.

Un’altra opera scritta da Gramsci è Lettere dal Carcere, centinaia di lettere scritte quasi tutte ai familiari: alla madre, alle sorelle, alla moglie Giulia ecc. Nelle Lettere, Gramsci descrive la sua vita di detenuto, della sua condizione di salute, riporta e commenta alcune riflessioni personali. In quest’opera, la vita privata e le sue riflessioni teoretiche hanno un legame stretto.


I luoghi determinanti di Antonio Gramsci

  • la Sardegna, dov’è nato e cresciuto, qui ha frequentato anche il liceo
  • Torino, ha conosciuto il Partito Socialista Italiano (PSI)
  • Mosca, ha incontrato sua moglie, Giulia Schucht
  • il carcere di Turi, situato nei pressi di Bari, dove è stato imprigionato per alcuni anni e luogo nel quale ha scritto la maggior parte dei Quaderni

Prima di lasciare la Sardegna per trasferirsi a Torino, Antonio Gramsci, scrisse il suo primo articolo di giornale che fu pubblicato grazie all’aiuto di un professore del liceo, su L’unione sarda. A soli vent’anni, il noto filosofo, ha vinto una borsa di studio all’università di Torino, che all’epoca era la principale città industriale d’Italia. 

Il film tratto dalle opere di Antonio Gramsci

Dai Quaderni e dalle Lettere, prese vita il film Nel mondo grande e terribile, sotto la regia di Daniele Maggioni. Il film racconta sia la storia della figura politica di Gramsci che la storia dell’intellettuale Gramsci, interpretato da Corrado Giannetti. Il film fu lanciato nel 2017, ed è disponibile su varie piattaforme.


La malattia di Antonio Gramsci

All’età di due anni gli venne diagnosticato il morbo di Pott e a causa di questa malattia, le sue ossa crebbero deformi. Quindi, già dall’infanzia soffrì di crisi emorragiche, tra le quali una molto grave all’età di quattro anni. La malattia gli condizionò la vita in molte situazioni, per esempio fu ricoverato al sanatorio. In carcere soffrì anche di arteriosclerosi e la sua condizione fisica peggiorò tanto che dovette essere operato di ernia. Viste le sue gravi condizioni di salute, venne lasciato in libertà condizionata e il 27 aprile 1937 morì a causa di un’emorragia cerebrale.

Oggi, 27 aprile, ricordiamo il grande Antonio Gramsci, politico, filosofo, giornalista, critico letterario e fondatore del Partito Comunista d’Italia. Insieme a lui, molti altri grandi della storia hanno contribuito a tutto ciò che abbiamo oggi, uno di questi è Italo Calvino che ci ha regalato il primo romanzo dei partigiani. 

Fonti:

 403 total views,  5 views today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *